giovedì, giugno 09, 2005

Happy birthday to her!

Oggi è il compleanno di Natalie (Portman)!
E sono 24!
E che ve ne frega (parte terza)? :D

domenica, giugno 05, 2005

Happy birthday to me!

Oggi è il mio compleanno!
E sono 24!
E che ve ne frega direte, boh, è tanto per dirlo.
Ho tante cose da fare e poco tempo per curare il blog.
Ma che vi frega anche di questo? :D

sabato, maggio 21, 2005

Love 2

Qual è il momento giusto per avere un dolce rapporto anale?
Quando la tua lei ha le mestruazioni...

venerdì, maggio 20, 2005

Ma che è?

Image Hosted by ImageShack.us

Love

Qual è il momento giusto per dire "Ti amo" ad una ragazza?
L' altro giorno mi suggerivano quando vuoi avere un rapporto anale.
Devo verificare se è vero una volta di queste...

giovedì, maggio 19, 2005

Cinema: The Final Cut

Altro film, altra cosa che odio: le coppiette che devono per forza parlare durante lo spettacolo.
In che senso, nel senso che il "lui" di turno, deve commentare, aiutare a capire, o tradurre qualsiasi cazzo che esce sullo schermo.
Ma porca zozza, ma statti zitto e vediti il film, se la tua ragazza è idiota, non puoi romperci le palle per tutta la visione. Magari baciatevi, scopate, o annatevena affanculo, ma non schiattate la testa agli altri.
E in questo caso, in moltissime scene, uscivano delle date nella parte bassa dello schermo, e lui le ha lette tutte. E poi commentava: "cara, hai capito, o forse non è così?".
Cioè, non lo sapeva manco lui.
Che sperpetuo...
E cmq, il film era carino, lento, ma carino.

Embarrassment

Una delle cose più imbarazzanti che ci sono, almeno secondo i miei canoni, è andare a comprare dei preservativi.
"Ok" penso quelle volte che mi è capitato, "è una cosa naturale, è per sicurezza, non penseranno che sono un maiale, ecc.."
Allora si sceglie una farmacia che non sia quella sotto casa, perchè magari ti vede qualcuno e può pensare male, magari il padre della tua ragazza che si trova a passare lì per caso perchè doveva comprare delle aspirine e che in realtà abita da tutt' altra parte del paese.
E uno si fa forza e coraggio ed entra in farmacia, ma vede tanta gente nel negozio, e si caga sotto e se ne va.
Oppure non c' è clientela, ma ci sono delle commesse, magari carine, che ti imbarazzano e allora ti ricaghi sotto e te ne vai.
E allora vediamo un distributore, ma magari si mettono i soldi e si bloccano, e tu stai lì a bestemmiare e tirare calci dicendo e dammi sti cazzo di preservativi.
Magari passa qualcuno, sempre il padre della tua ragazza e chiede che succede.
E tu in quel momento vuoi solo morire.
(NB: questo non mi è mai capitato, è tanto per dire) ^^'
La morale è: che sia benedetta la pillola.

sabato, maggio 14, 2005

Cinema: Old Boy

E rieccoci all' angolo delle stranezze al cinema.
Questo è un comportamento che capita spesso, ma non sempre così presto.
Mi spiego meglio.
Al cinema, l'altro giorno, sono andato a vedere il coreano "Old Boy", e dopo 5-mimuti-5 di proiezione due persone "adulte" che stavano alla mia destra si alzano e se ne vanno.
Le osservo, perchè magari si spostano, ma invece se ne vanno proprio, con aria schifata.
Ma dico io, come cazzo si fa a giudicare un film dopo 5 minuti? Che poi una volta usciti magari si ha anche la presunzione di dire: "Old Boy fa schifo".
Ma porca trota in calore, ma vedetevelo tutto e poi lo dite che fa proprio schifo, ma non dopo 5 minuti.
E che cazzo.
Quanto odio sta gente snob che crede di sapere tutto di tutto.
Unica scusante: magari avevano perso l' inizio dello spettacolo precedente (a volte capita), ma date le loro facce e il loro comportamento prima di entrare in sala, non penso sia un' ipotesi molto plausibile.
Per la cronaca il film è stato un bel film, anche se in effetti la prima parte non era un granchè.

domenica, maggio 08, 2005

After the Meeting

Premetto che sto sveglio dalle 7.30 di Sabato mattina, e tranne un' oretta di sonno in treno al ritorno, posso dire che non ho dormito per niente. Quindi non tutto quello che dirò sarà dettato dalla ragione, ammesso che così sia in genere...
Come detto in precedenza, ormai a questo genere di eventi ci ho fatto il callo, quindi li vedo come una sorta di incontri tra "amici", passatemi il termine, che non si vedono quasi mai o che non si sono mai visti, ma che alla stesso tempo si vedono, o forse sarebbe più corretto dire "leggono" tutti i giorni o quasi.
Questa volta eravamo in tanti, e non è mai facile radunare tanta gente, anche nelle semplici serate passate in città con gli "amici veri in carne e ossa".
E qui invece ne sono venuti 2 da Milano, uno da Brindisi, 2 da alcuni paesini sperduti tra Caserta e Roma, altri da Napoli e Provincia, il resto dalla stessa Roma. In tutto 13, anche se due di loro valevano per 3...
Abbastanza multietnica come cosa.
E se consideriamo che il raduno è cominciato per alcuni da Venerdì, la gente presente sale a 14.
Che dire, si è conosciuta "nuova" gente, si sono avute diverse conferme, qualche sorpresa, si è riso, si è scherzato, si è mangiato come al solito dal cinese e come al solito Kefka è stato il più contento di tutti, tant' è che non riuscivamo a farlo uscire dal ristorante di Li-Mu-Bai. E a Roma Termini, al ritorno, mentre tutti volevano andare al "Mc-distriggiamoci il fegato-Donald", lui voleva trovare un qualche posticino orientale per concedersi il bis. Per fortuna ce la siamo scampata dicendogli che al McDonald il pollo dei McChicken è cinese.
Rispetto all' altra volta, devo ammettere che abbiamo giocato di meno, fumato, per mia fortuna, di meno (loro, non io, io non fumo proprio), e parlato molto di più. Non che l'altra volta non avessimo dialogato, ma ora l'abbiamo fatto soprattutto mentre non giocavamo. A dimostrazione che ormai in un certo senso ci si conosce, ci si prende per il culo senza offendersi, anche se ci si è presentati 20 minuti prima. E lo stesso meeting è durato più tempo, ma ciò nonostante eravamo più sobri, anche se a turno, un pò tutti, ci siamo dati delle piccole pause di riflessione.
In conclusione, è stato un piacevole week-end, stancante, ma molto piacevole.
A ennesima dimostrazione che anche da una tastiera può scaturire un buon rapporto di "amicizia".
E la cosa più bella è questa: che dopo che ci si è incontrati, dopo che si sono scambiate parole e si è scherzato dal vivo, dopo che si è passato diverso tempo assieme, quando ci si torna a leggere sulla rete, si colgono nuove sfumature nei messaggi, ci si immagina "realmente" la persona con cui si sta chattando, si colgono il modo e l' intonatura esatte con cui si dicono le cose o si fanno determinate battute.
E' un' evoluzione. Ed è proprio una bella cosa.
Per ulteriori dettagli, foto, commenti, awards, ecc, ci si vedrà sul forum.
Per ora, non posso dire altro che alla prossima.
Grandi raga!